Corde per violino: leggete le caratteristiche e le differenze dei vari marchi

 

Vuoi acquistare i prodotti recensiti su strumenti musicali info?


Entra nel negozio

Ecco tutte le corde per violino che abbiamo provato, vi spieghiamo le caratteristiche:

PLAIN GUT: Ci sono diverse aziende che fanno corde di budello naturale. I primi tre sono Pirastro chorda, Kürschner e Dlugolecki. Personalmente ho solo provato Kürschner e sono eccellenti ed il prezzo è ottimo (molto meno della chorda o Dlugolecki). La qualità è da qualche parte tra gli altri due. Penso che chiunque, che spera di capire il classico suono dei violinisti come Heifetz e Milstein ha bisogno di provare queste corde. Sono corde di eccellente stabilità, anche se a passo e durata sono un problema di sicuro.

FERITA GUT: di queste ho provato solo tre marchi Pirastro. Qui è la mia opinione.

Pirastro Gold: Disponibile in un unico calibro. Il controllo della qualità non è buona come Eudoxa che è immediatamente evidente sia nella stabilità altezza e qualità di tono. Sono delle buone corde, un po ‘più luminose delle Eudoxa, ma troppo poco affidabili.

Eudoxa: Eudoxas producono delle corde più affidabile della Pirastro. Il suono è caldo, con una vasta gamma di dinamiche e colori. 

Olive: non mi piacciono tanto quanto le Eudoxa, in quanto sono meno affidabili. Esse sono più potenti e strette rispetto alla Eudoxa e renderanno più pressione all’arco. Con una vasta gamma di colori e di dinamica. La E oro sono molto potenti ma fischiano molto e tendono a rompersi molto facilmente. Penso che l’uso di qualcosa di diverso per la A è migliore, anche se la D e G sono molto buone. Ottima varietà di colori in queste corde, ma molto instabili.

SYNTETIC: Negli ultimi anni il mercato è stato invaso da nuovi prodotti che affermano di essere molto buoni. Io non sono convinto. Qui ci sono le mie impressioni delle corde che ho provato.

Dominant: Esse sono le più popolari in assoluto. Possono donare un suono metallico in un primo momento, ma regolare dopo un giorno o due. Esse hanno lo scopo di riprodurre la sensazione del budello, ma senza l’instabilità. Sono corde eccellenti a prezzi accessibili. A mio parere, la E non è così buona.

Infeld: Disponibili in rosso e blu. Il blu è più luminoso e più potente, il rosso più scuro. Sono state progettate come un miglioramento rispetto alle Dominant, ma non riescono a mio parere. Esse sono più durature, ma la tensione è assassina e c’è una perdita nella gamma delle dinamiche e dei colori sulle Dominant.

Vision: Ho poca esperienza finora. Sembrano molto sottili per archi sintetici. Le Vision sembrano simili alle Dominant, ma in pausa più veloci. Il titanio dura e sono state progettate per competere con le corde Evah Pirazzi.

Evah Pirazzi: Sta diventando uno dei più popolari marchi delle corde sintetiche, anche se personalmente, non mi piacciono. Sono forti, con una gamma limitata di colori. Io le trovo poco flessibili. L’alta tensione richiede di premere di più, e non si fondono così bene in ensemble. Se il vostro strumento deve ravvivare o se state suonando in un concerto sono buone.

Obligato: Esse sono state progettati per essere sintetiche e durature. Emulano le Eudoxa e sono probabilmente le corde sintetiche più resistenti. Esse si fondono bene nell’insieme e sono più tese delle corde Perlon core, ma non troppo. E l’oro è il migliore dei due, e l’alluminio D sembra funzionare meglio anche rispetto al D. L’Argento ha meno potere di proiezione. Ma ottimo per suonare in orchestra però.

Tonica: progettate per competere con le Dominant anche se più scure e meno potenti. Non sono delle corde durature ma hanno un buon prezzo.

Aricore e Synoxa: le prime risposte di Pirastro a Dominant. Le Aricore sono scure e un pò noiose. Le Synoxa sono migliori e più luminose. La E è identica alle Pirastro Gold (colore diverso). La A è buona e si mescola bene con le corde in budello, in particolare le Olive, ma la D e G non sono sullo stesso livello di qualità saggia.

Corelli Crystal: corde scure e calde, che possono essere noiose. Molto economiche e buone complessivamente. 

Corelli Alliance: sono molto tese e piatte, ma che suonano molto bene in termini di tono e la chiarezza di intonazione. Personalmente, non ho potuto ottenere per l’alta tensione di queste corde. Ma ho trovato che l’E Goldbrokat funzionano bene.

D’Addario Zyex: con un nucleo fatto di un materiale progettato per sostituire il budello in racchette da tennis, queste corde sono state promosse come le migliori sostitute per le corde in budello. Hanno il vantaggio di essere molto stabili. Inoltre sono estremamente tese (ho avuto i dolori alle mani dopo soli 30 minuti di gioco su di loro).

corde Perlon core che sono nel loro complesso eccellenti: Larsen. Esse sono più potenti e incisive delle Dominant ma non così calde. Delle corde molto buone e non troppo tese, vanno bene quando si suona nei concerti e sono molto stabili. Hanno meno gamma di colori rispetto alle Dominante e le D e G hanno una durata molto breve. Esse sono anche costose.

ACCIAIO: ho poca esperienza con queste, mi baso sui pochi marchi che conosco.

D’Addario Helicore: Attualmente le migliori corde in acciaio sul mercato. Sorprendentemente calde e molto stabili. La gamma dei colori è limitata, ma la stabilità è ottima. Sembrano ideali per la viola,ed offrono maggiore chiarezza su tale strumento. Sono delle corde con una lunga durata.

Piranito e Chromecore: Di lunga durata e molto luminose. Meglio a mio parere la Standard Rosse.

Jargar: Ho provato solo la A ed E. A mio parere le Jargar E sono Forti è probabilmente le migliore sul mercato. Si mescolano bene con le corde in budello sintetiche o D e G.

A mio parere personale alcune corde E funzionano meglio di altre a seconda di cosa si usa per la G, D e A. E influisce sul suono complessivo dello strumento in quanto mette in evidenza delle sfumature diverse in meglio o in peggio. Detto questo, ecco alcuni consigli basati sulla mia esperienza personale …