Blackstar HT Studio 20H, una testata valvolare da 20W per chitarra

 

Vuoi acquistare i prodotti recensiti su strumenti musicali info?


Entra nel negozio

L’HT 20H Studio ($ 500), è una testata valvolare da 20W che vanta di una costruzione robusta ed ha un’elegante aspetto di vecchia scuola. Inoltre, è di piccola dimensione 20-2/5″ x 11-1/3″ x 10-4/5″ e pesa solo 28 chili, quindi è facile da trasportare. Il 20H Studio include due valvole ECC83 nello stadio della preamplificazione e due valvole EL34 nello stadio di uscita. L’amplificatore dispone di un pannello di comando più snello rispetto agli amplificatori nella fascia alta della linea HT. Avanti per l’ingresso jack 1/4 ci sono i canali Clean e Overdrive, una sezione master con la sezione dell’equalizzazione, volume master, il controllo del riverbero, l’interruttore di accensione e l’indicatore. Sul pannello posteriore ci sono le prese per gli altoparlanti esterni (1×16 e 2×16 o 1×8 ohm), un’uscita per la registrazione diretta o il collegamento di un mixer, e un loop effetti send e return. Il loop effetti include un pulsante che consente di selezionare un livello operativo di +4 dBu o-10dBV.

Il pannello frontale dell’HT-Studio-20 offre un suono pulito. Ho testato l’HT 20H con due altoparlanti Celestion da 12 pollici. In primo luogo, ho provato la Classe A del canale pulito e sono stato colpito dalla sua flessibilità. Selezionando il pickup al ponte della chitarra sono stato in grado di ottenere un bel suono compatto perfetto per i ritmi funk tipo James Brown, chitarrista di Jimmy Nolen. Passando al pickup al manico con il tono del canale a 0 ha prodotto un suono abbastanza caldo e scuro per il jazz. Alzando il volume del canale ho ottenuto un suono adatto per il fingerpicked blues elettrico. Poi ho acceso il canale overdrive del 20H Studio utilizzando il pedale FS-4 ottenendo un suono americano, con una stretta fascia bassa e un midrange aggressivo. Ruotando la manopola in senso orario, il tono diventa sempre più inglese, meno aggressivo, ma con un tono più legnoso. Regolando il guadagno, l’EQ (bassi, medi e alti), e modificando il controllo ISF, sono stato in grado di ottenere un suono fuzz. Nel complesso, su questo canale il 20H Studio non era così sensibile come, ad esempio, un vecchio Marshall Plexi o un amplificatore moderno a gomito verso l’alto. Ma l’20H Studio ha un suono robusto e definito ad un basso livello di volume.

Ho provato l’20H Studio come piattaforma per i pedali degli effetti collegando alcuni dei miei effetti preferiti che hanno rafforzando il suo suono già impressionante. Allora ho provato l’uscita emulata in combinazione con un semplice impianto di registrazione in un interfaccia a 2 canali Apogee duet collegata al mio computer. In questo contesto, l’amplificatore offre un’approssimazione abbastanza convincente di una ripresa microfonica e un cabinet overdrive dove in coppia con una batteria e un basso il suono sarebbe sufficiente per molte applicazioni delle registrazioni. L’20H Studio suona bene come alcuni degli ampli che costano molte volte di più. Nel complesso, L’HT 20H offre una bella gamma di suoni puliti e sporchi in un pacchetto relativamente piccolo sotto al prezzo di 500 dollari. La manopola Infinite Shape è particolarmente utile quando si tratta di scolpire il tono, rendendo questo ampli valvolare più versatile rispetto ad altri nella sua fascia di prezzo. La varietà di opzioni dell’ uscita speaker, così come l’uscita diretta e il loop degli effetti vi darà un pò di flessibilità per le prove, registrazioni o nei concerti.