Tech 21 RotoChoir, un pedale per l’emulazione di un altoparlante rotante

 

Vuoi acquistare i prodotti recensiti su strumenti musicali info?


Entra nel negozio

Il suono di una cassa a rotazione originariamente progettato come complemento ad un organo Hammond, funziona altrettanto bene con la chitarra e ha avuto per lungo tempo un posto nella storia rock e pop. Naturalmente essendo un aggeggio massiccio e pesante non è mai diventato popolare tra i chitarristi. Adesso il Tech 21 RotoChoir racchiude lo stesso suono in un pedale con sei manopole. Utilizzando un mix di tecnologia analogica e digitale, il Tech 21 RotoChoir può essere eseguito da una batteria da 9V o in alternativa da un adattatore di alimentazione standard. Come il pedale Lex Strimone, il RotoChoir ha un circuito bypass con le funzioni veloce / lento attraverso una serie di sei manopole e un paio di pulsanti di selezione. Una manopola LEVEL regola il livello d’uscita, mentre le altre manopole regolano la velocità massima e la distanza del microfono, inoltre il RotoChoir ha un comodo interruttore bi-amplificato. Il RotoChoir offre anche il controllo dei toni alti e bassi attivi, offrendo sia il taglio che la spinta, oltre a un interruttore di simulazione dell’altoparlante. L’emulazione del RotoChoir è convincente, ma il suono complessivo dipende dalle due manopole del tono. Partiamo dal presupposto che la posizione alle ore 12 è la più neutrale, anche se non c’è la tacca per marcare l’impostazione al centro. Entrambe le manopole permettono di aumentare o ridurre l’effetto permettendo di comporre qualcosa di duro e appuntito mentre manopola di azionamento offre una vasta gamma di overdrive disponibile. La manopola di posizione per la distanza del microfono è anche molto efficace. Non c’è dubbio che suonare la chitarra attraverso un altoparlante rotante darà una suono multiforme con un sacco di sfumature sottili ma se non vogliamo trascinare enormi altoparlanti questo pedale lavorerà molto bene. Il prezzo di questo pedale si aggira sui 270€.