Roland G-5 VG Fender Stratocaster

 

Vuoi acquistare i prodotti recensiti su strumenti musicali info?


Entra nel negozio

Fender / Roland in risposta ai modelli Variax Line 6 hanno lanciato la chitarra Fender Stratocaster-5 G VG che vanta di un elettronica progettata da Roland. La G-5 utilizza lo stesso design di una Fender Stratocaster standard made in mexico con un vibrato in stile vintage, dei sintonizzatori sfalsati in altezza e un collo standard con fissaggio a quattro viti senza micro-regolazione dell’inclinazione. Questo modello viene offerto in tre-tonalità sunburst con tastiera in palissandro o nero con bordo di un acero. Insieme con i soliti tre single coil (senza info è dato di quale modello si tratta) e un sellettore a cinque vie per i pick-up, vi è una manopola per il volume e una per il tono. Oltre al pickup al ponte e il vibrato, il pickup GK-esafonico porta il suono delle corde nel regno digitale sfruttando la tecnologia Roland COSM. Il selettore dispone di cinque modalità di funzionamento: normale, magnetico, modello Stratocaster, Telecaster, modellazione del pick-up humbucking e acustico.

Se utilizzate delle pile alcaline standard la durata continua della vostra esibizione sarà limitata a sei ore, ma non preoccupatevi, se le batterie non riescono a durare la chitarra continuerà a funzionare il modalità standard analogica. In termini sonori offre una risonanza acustica vivace e molto Stratocaster. I toni magnetici vengono replicati nella prima modalità digitale, anche se la versione virtuale è più forte fino a quando non regolate l’altezza del magnetismo per ottenere le cose più da vicino. La versione digitale è un pò più luminosa. In modalità Telecaster vi è una piccola differenza tra le posizioni uno e due del pickup al ponte e le posizioni quattro e cinque del pickup al manico. Le posizioni uno e cinque suoni sono più luminose, mentre le posizioni due e quattro offrono un tono poco spinto, o meglio dire più verso dentro. L’I pickup al ponte sono più forti ed offrono un tono più perverso, mentre i modelli con il pickup al manico suonano più morbidi rispetto alla modalità magnetica o digitale con il pickup stratocaster al collo. La posizione centrale mista suona un pò soffocata e appare un po’ innaturale. La modalità Humbucking non offre un maggior volume che ci si potrebbe aspettare rispetto alla modalità single coil e la differenza tonale è abbastanza sottile. Anche qui, le posizioni interne due e quattro offrono un tono più scuro rispetto a quelle esterne ed il suono risulta poco naturale. Con la posizione al ‘ponte’ (posizione di uno) in modalità acustica il suono risultava brillante ma anche qui poco naturale, sopratutto su alcune note che avevano un suono metallico. Ovviamente non basta una recensione per descrivere tutte le caratteristiche di questa chitarra, dico solo che sicuramente è una chitarra che ha i suoi difetti, ad esempio non mi piacciono i suoni delle corde in nylon e jazz ma molti dei toni digitali modellati sono realistici.