Cableguys Curve 2, novità di questo synth plugin

 

Vuoi acquistare i prodotti recensiti su strumenti musicali info?


Entra nel negozio

Cableguys Curve 2 introduce un nuovo look per il synth, così come un buon numero di nuove caratteristiche e una tonnellata di nuovi suoni – tutto ad un prezzo molto ragionevole. Prima di guardare a ciò che c’è di nuovo in 2, facciamo un breve riassunto: Curve è un plugin sintetizzatore sottrattivo (VST / AU / RTAS), i suoi tre oscillatori non sono limitati alle solite forme d’onda analogiche. Al contrario, le onde possono essere create trascinando (fino a 40) i punti all’interno del display principale per creare entrambe le linee rette e curve. Le barre sullo sfondo mostrano i livelli relativi delle armoniche nella forma d’onda – questo aspetto è simile a quello che si potrebbe vedere in un synth additivo, ma invece di modificare le ampiezze delle armoniche per creare una forma d’onda astratta, è il contrario: si progetta la forma d’onda da zero, con il display che mostra il risultato parziale. Fin dall’inizio, le modifiche apportate al curve 2 sono immediatamente evidenti. Ora ci sono quattro manopole assegnabili dall’utente Macro che possono essere collegate a un massimo di otto diverse destinazioni. Queste assegnazioni sono fatte in uno spazio espositivo di grandi dimensioni che consentono di trascinare e rilasciare gli slot vuoti a qualsiasi parametro del synth o cella nella matrice mod. Le macro possono essere utilizzate come un modo semplice e veloce per personalizzare un suono di fabbrica, o assegnate a messaggi MIDI in arrivo e utilizzate come controller delle prestazioni. In realtà, la rotella di controllo mod viene automaticamente assegnata alla prima manopola, e l’aftertouch al secondo canale, anche se, ancora una volta, queste assegnazioni sono completamente modificabili. Gli oscillatori possono essere indirizzati a ciascun filtro singolarmente o a entrambi, sia in serie o in parallelo. C’è anche una modalità all’unisono, per un ulteriore ispessimento sonoro. Dobbiamo dire che il quartetto di LFO è ancora potente come sempre, con la possibilità di attingere lo stesso insieme di dieci forme d’onda che alimentano gli oscillatori. Tutti i tipi di opzioni di trigger sono disponibili. Mentre Curve 2 introduce quello che potrebbe apparire a prima vista solo una manciata di importanti novità, e’ anche splendidamente facile da usare e infinitamente versatile.