Yamaha MX61, una tastiera synth con 1000 suoni

 

Vuoi acquistare i prodotti recensiti su strumenti musicali info?


Entra nel negozio

Il modello MX61 ha un prezzo che parte dai £ 499 – grande notizia per coloro che vogliono una vasta gamma di suoni Motif XS based per una spesa minima. La qualità costruttiva non è male per quello che costa, anche se il tutto è fatto in plastica, probabilmente sarebbe utile prendere un flightcase per proteggere il vostro investimento. La tenuta complessiva degli interruttori e delle manopole è certamente buona come altrettanto per l’utilizzo come synth o come pianoforte. Come controller a bordo ci sono le ruote pitch e mod, quattro manopole multifunzione, una data dial e 47 tasti per la selezione delle funzionalità. Le quattro manopole di accesso offrono funzioni diverse a seconda del pulsante (tra cui taglio del filtro / risonanza, volume, panning, inviluppi e FX send), ma sono utilizzate per funzioni DAW quando l’MX61 è in modalità remota DAW. Questi controller sono grandi per le modifiche in tempo reale quando si suona dal vivo o in studio. Per il feedback visivo, c’è un display che illustra il numero delle prestazioni per la visualizzazione dei nomi vocali e delle attività di editing.

E ‘intuitivo da usare e super facile da configurare. I 16 pulsanti di selezione delle categorie semplificano la scelta tra le 1.106 voci e 61 drum kit di bordo (oltre 128 voci modificabili dall’utente). Le categorie includono pianoforte, tastiere, organi, chitarre, bassi, archi, synth lead, synth comp, suono EFX, etnici e di più. Il motore sonoro polifonico a 128 note dell’MX61 si basa sull’XS Motif. Molti suoni sono un po’ datati rispetto a Korg e le offerte attuali di Roland, e non c’è molto in termini di reale controllo delle prestazioni del tempo o qualcosa di più potente di una sezione FX come il Motif in modo che i suoni non siano così vibranti. Detto questo, la qualità generale è buona e tutti i suoni si inserisce molto bene in un mix in qualsiasi stile di musica, dall’elettronica al classico. Ci sono alcuni buoni pianoforti acustici e pianoforti elettrici, alcuni pad di synth di qualità e bassi / synth lead. Ci sono anche alcuni kit sorprendentemente belli di batterie acustiche, strumenti etnici, percussioni e suoni FX. Purtroppo, ci sono anche dei suoni più deboli a bordo. Agli organi tonewheel manca un senso di autenticità (anche se l’effetto rotary speaker non è male) e i suoni clavinets sono datati. Il montaggio del suono è fondamentale anche – non c’è nessun editor synth DAW e non è possibile modificare il tipo di filtro o modificare le voci a livello di elemento. Ci sono i soliti filtri e inviluppi dell’amplificatore, oltre a un LFO, panning e modalità mono / poli.

Per fortuna, gli effetti VCM sono abbastanza buoni per ravvivare l’atmosfera. C’è un Reverb Block globale e un Chorus separato, insieme a una buona gamma di effetti insert di qualità tra cui delay, phaser, distorsioni e altro ancora. In cima a questo, c’è un arpeggiatore integrato Midi-sincronizzabile che può essere applicato ad un massimo di due parti in una performance in una volta. Le informazioni midi dell’arpeggiatore possono essere emesse per DAW e ci sono 999 preset tra cui scegliere per soddisfare tutti gli stili. Inoltre, non dimentichiamo la modalità rhythm pattern che fornisce l’accesso a 208 modelli ritmici. Anche se non è possibile registrare il proprio, è possibile riprodurre i file WAV (non MP3) direttamente da una chiavetta USB (e salvare le impostazioni). Inoltre, è possibile instradare un iPod o qualsiasi altro dispositivo audio tramite l’ingresso ausiliario (RCA).