Nord Lead A1

 

Vuoi acquistare i prodotti recensiti su strumenti musicali info?


Entra nel negozio

L’annuncio del Lead A1 è arrivato un po’ come una sorpresa, si tratta di uno strumento più economico del modello Nord NL4 ed è una grande alternativa. In primo luogo, esso contiene una nuova forma d’onda del motore. L’A1 è dotato di robuste manopole in gomma, pulsanti di plastica dura e ruote mod / pitch, vi è anche un display a LED trovato sull’NL4. Come tutti i Nord, l’A1 vanta di una costruzione robusta. Il disegno di base dell’A1 ci ricorda molto della sezione synth di un Nord Stage 2. L’omissione più evidente è la mancanza di un filtro dedicato, così invece bisogna usare l’inviluppo Mod per influenzare l’inviluppo dei filtri. Inoltre, l’inviluppo dell’amp è un semplice ADR / ASR. L’interfaccia è molto favorevole alla creazione del suono veloce. Il clou della A1 è la sua snella sezione polifonica dell’oscillatore a 26-note (vs 20 note sull’NL4). Anche se sembra semplice in superficie, l’interfaccia è molto favorevole alla creazione di suoni piuttosto complessi, anche se non così complesso come l’NL4. Nel suo cuore, l’A1 ha un oscillatore principale con quattro forme d’onda standard, ma in aggiunta c’è un secondo oscillatore nascosto e un sacco di nuovi tipi di onde, più otto oscillatori. È possibile impostare l’Oscillatore 1 per utilizzare le onde square / sega / triangolo / onde sinusoidali standard, ma le cose si fanno davvero interessanti quando si ruota la manopola sotto lo schermo Wave e si seleziona uno dei 43 altri tipi di onde (47 onde in totale, contro 128 sull’NL4). Tutte le onde sonore sono precise e complete e la qualità generale è sicuramente buona come l’NL4 – c’è anche abbastanza variazione per tenere la maggior parte delle persone felici e siamo stati in grado di creare rapidamente grandi patch di suoni che suonavano abbastanza vicini all’NL4. Rispetto all’NL4, è generalmente più veloce da impostare / provare in diverse configurazioni! Una piccola avvertenza: è possibile utilizzare una sola configurazione dell’oscillatore per ciascun programma, quindi se volete un secondo oscillatore disintonizzato istituito con il rumore bianco aggiuntivo (per esempio), è necessario sovrapporre il programma disintonizzato con un rumore bianco aggiuntivo solo attraverso un altro slot. A parte questo, i neofiti e i professionisti saranno in grado di impostare e provare dei suoni complessi in modo rapido, senza dover avere una conoscenza approfondita della sintesi – è sufficiente selezionare il tipo di configurazione e girare la manopola di controllo Osc per variare la configurazione selezionata; è davvero così semplice!

In termini di funzionalità generale, l’A1 funziona in modo simile all’NL4, in modo da avere quattro slot per l’utilizzo all’interno di programmi e performance dove si possono sovrapporre e dividere i suoni facilmente, ogni slot ha il proprio canale MIDI e l’uscita audio dedicato, in modo efficace dando quattro synth indipendenti. C’è una nuova modalità che permette di salvare temporaneamente fino a 50 varianti di un suono, mentre la programmazione (ottimo per testare molteplici variazioni su una patch) e la nuova modalità Multi Focus consente la modifica di un parametro scelto su tutti gli slot contemporaneamente. Quindi qual è la conclusione? Beh, l’A1 è un solido synth che consente ai neofiti e professionisti di ottenere dei grandi suoni rapidamente. E ‘intuitivo e veloce da programmare e non c’è da lamentarsi circa il suo suono, che è tipicamente Nord (cioè audace e preciso, ma caldo e accogliente). Inoltre, mentre l’A1 è un synth entry-level di Nord, sorprendentemente offre alcuni vantaggi rispetto all’NL4, anche se allo stesso tempo si deve essere consapevoli degli svantaggi, tra cui la mancanza di un filtro di inviluppo dedicato, l’oscillatore meno flessibile e un solo LFO. Ovviamente, alcuni angoli dovevano essere tagliati per portare l’A1 a 300 euro in meno rispetto al modello di punta, ma se dovessimo scegliere tra l’A1 e l’NL4, avremmo l’imbarazzo della scelta (entrambi suonano alla grande). Tuttavia, non c’è dubbio che l’NL4 offra un vantaggio significativo in termini di profondità di smanettamenti / funzionalità e il suo quadrante per la funzione ethos è ancora molto attraente, in particolare per i più sintetisti esperti e smanettoni live, non dimenticando che i controlli extra sono molto utile per le funzioni di controller MIDI.