7 modi per sfruttare in modo creativo i compressori hardware o software

 

Vuoi acquistare i prodotti recensiti su strumenti musicali info?


Entra nel negozio

La maggior parte delle DAW includono almeno un set abbastanza decente di plugin, ma le emulazioni dei classici processori di segnale hardware rimangono sempre popolari. Di seguito potete trovare dei consigli su come ottenere dei grandi risultati con i più grandi compressori esistenti. Si possono utilizzare varie emulazioni software (di Universal Audio, IK Multimedia ed altri sviluppatori) come ad esempio: Urei 1176, dbx 160, Fairchild 670, SSL Bus Compressor e Teletronix LA-2A. Se siete in possesso degli hardware originali i nostri consigli saranno ugualmente utili.

1. Compressori usati solo come amplificatori
Alcuni dei compressori classici comprendono valvole e trasformatori molto piacevoli con circuiti presenti prima e dopo la sezione di riduzione del guadagno. Ciò significa che, semplicemente inserendo il compressore senza alcuna riduzione del guadagno può provocare delle distorsioni armoniche benefiche. Sia il LA-2A che il Fairchild 670 sono ideali per aggiungere delle sottili valorizzazioni nella fascia medio-bassa. Consiglio di accertarvi che i vostri plugin includano le emulazioni dei circuiti proprio come avviene nei disegni originali.

2 UA 1176 alla massima potenza
Il famoso UA 1176 sfrutta un’anomalia del disegno del circuito originale, per cui attivando tutti i pulsanti tra cui ratio, attacco e rilascio si può ottenere una particolare compressione molto aggressiva, ma con un ritardo dei transienti ideale per ottenere degli effetti di pompaggio per i microfoni panoramici di un kit di batteria o per la trasformazione del suono in generale.

3 Suoni di basso incisivi
Si potrebbe supporre che l’attacco e il rilascio del 1176 sia troppo veloce e la distorsione FET non avrebbe funzionato molto bene sul basso, ma in realtà è sorprendentemente efficace. La saturazione del circuito FET aggiunge incisività e bordo al suono senza distruggere il contenuto a bassa frequenza e si può rivelare utile per i bassi synth poco brillanti.

4. Il compressore SSL sui sottogruppi
Come suggerisce il nome, l’SSL Bus Compressor è più comunemente usato in tutto il mix bus. Tuttavia, fa anche un fantastico compressore per il sottogruppo. E’ particolarmente buono sulla batteria, ma si comporta bene anche su una vasta gamma di altri sottogruppi, tra cui cori, chitarre elettriche, loop di batteria e string.

5. Macchine soft
Anche se molti sostengono che i compressori classici originali sono inimitabili, la libertà e il potere di progettazione dei software permette di migliorare le caratteristiche in modo più dettagliato. L’opzione più comune trovata sulle emulazioni dei compressori plug-in è il filtraggio del segnale sidechain, ma altre aggiunte sono l’opzione mid / side e l’elaborazione individuale sinistra / destra – una caratteristica standard sui plugin di IK Multimedia, per esempio. Il filtraggio Sidechain è ottimo per adattare la risposta del compressore sui suoni a bassa frequenza come grancasse, bassi e l’estremità inferiore di mix completi – Utili per questo tipo di lavoro le emulazioni dei compressione Bus SSL o il più recente UAD Fairchild 670.

6. I compressori classici a catena
Ogni compressore ha la sua caratteristica e sorprendente gli ingegneri del suono di alto livello uniscono i compressori classici in serie. Una catena popolare comprende un 1176 per il mordente e il controllo, seguito da un Fairchild 670 o un Teletronix LA-2A per appianare le cose e aggiungere un ulteriore messa a fuoco. Lo stesso trucco funziona anche con il dbx 160 per il contenimento, piuttosto che il 1176. Inoltre, come accennato in precedenza, i disegni che colorano il suono, basati sulle valvole, possono essere aggiunti alla catena con una minima riduzione del guadagno, semplicemente per migliorare il segnale attraverso una distorsione armonica sottile .

7. Il compressore ottico sul basso
Abbiamo parlato molto di come i compressori veloci sono ideali per modellare il suono dei bassi per ottenere dei suoni più aggressivi. Tuttavia, se volete ottenere più sustain sui suoni legati, un compressore opto è spesso più semplice da configurare. Sia il LA-2A che il Tube Tech CL1B sono ideali per questo lavoro, con la differenza che il LA-2A ha un sapore più vintage mentre il CL1B vanta di una maggiore flessibilità dell’attacco e del rilascio.