L’allergia causa dei deficit vocali, dei nuovi vaccini antiallergici potrebbero far guarire in tempi inferiori

 

L’allergia nel canto può creare un vero deficit vocale, è inutile dire “ma anche quel cantante soffre di allergia eppure canta da dio, basta avere una buona tecnica per superare il problema”, semplicemente vi dico una cosa, questo non è un esempio da fare, alcuni soggetti allergici non sono in grado di cantare a causa dell’allergia, sopratutto quella agli acari che sono presenti tutto l’anno e in qualunque parte del mondo. Anche quando non si è gravemente colpiti da una reazione allergica una lieve infiammazione quasi impercettibile all’apparato fonatorio crea dei problemi nel canto, si perde il controllo della voce diventando imprecisi e stonati. Purtroppo non sono tanto efficaci gli antistaminici che possono solo alleviare la reazione allergica mentre una buona strada potrebbe essere quella di un vaccino antiallergico che nel tempo può ridurre i sintomi dell’allergia o farli scomparire completamente anche se in altri casi i benefici potrebbero essere pochi o nulli, questo varia da persona a persona. I contro del vaccino sono che ci vogliono almeno 3 anni di trattamento per un esborso economico non indifferenze, una confezione contenente il vaccino costa circa 300€ è dura meno di 4 mesi. Purtroppo i contro sono tanti, il costo elevato del vaccino, i tempi così lunghi per valutare i benefici e il rischio che tutti questi sacrifici non servano a nulla per guarire dal deficit vocale. Per questi motivi si spera che la scienza possa fare dei progressi, ad esempio sappiamo che da qualche anno in taylandia si sta sperimentando una nuova forma di vaccino al dna che modifica la risposta immunitaria dell’organismo, addirittura è stato constatato che per avere dei maggiori benefici si fa un uso di impulsi elettrici, purtroppo questo vaccino è ancora in fase di sperimentazione quindi non si sa sè e quando sarà disponibile, per chi spera che possa essere vicina una nuova cura più efficace dei ricercatori fillandesi entro 5 anni dovrebbero commercializzare un nuovo vaccino.

Parliamo del vaccino al dna

Un vaccino che usa l’elettricità (vaccino sovralimentato) nelle cellule del sistema immunitario potrebbe rivoluzionare il trattamento dell’asma. Questo vaccino permette al sistema immunitario di superare l’allergia agli acari della polvere – uno dei fattori scatenanti principali degli attacchi di asma. Gli attacchi vengono innescati dal sistema immunitario provocando una reazione esagerata agli escrementi dei minuscoli acari rilasciando l’istamina chimica. E’ questa istamina che porta a gonfiore e irritazione alle vie respiratorie, causando difficoltà respiratorie e attacchi di asma. L’attuale ‘vaccino’ contro l’asma è l’immunoterapia, in cui il paziente riceve iniezioni multiple di piccole quantità della proteina nociva degli acari della polvere. L’idea è che il sistema immunitario diventa utilizzato per la proteina, in modo da non reagire eccessivamente. Tuttavia, il trattamento può essere lungo per una durata di cinque anni. In alternativa, gli scienziati hanno sviluppato vaccini che, piuttosto che contenere la proteina effettiva degli acari della polvere, contiene piccole quantità di DNA della proteina. Questo contiene le istruzioni per ‘costruire’ la proteina. Con la nuova tecnica, il DNA viene iniettato nel corpo, dove viene assorbito dalle cellule immunitarie. Le cellule poi producono la proteina stessa, in base alle istruzioni del DNA. Questa piccola esposizione permette al sistema immunitario di acclimatarsi alla proteina e produrre cellule definite in inglese “helper” o di aiuto. Questo conferisce protezione in una sola iniezione, piuttosto che molte. Tuttavia, tutte le celle sono coperte da uno strato protettivo, chiamato “membrana plasmatica”. Il vaccino elettrico, tuttavia, potrebbe essere la soluzione. Gli scienziati della Chulalongkorn University di Bangkok, in Thailandia lo hanno inniettato il vaccino al dna nei topi con allergie agli acari subito dopo degli impulsi elettrici attraverso la pelle. Questi impulsi rompono temporaneamente la membrana esterna protettiva che mantiene intatte le cellule del sistema immunitario. I risultati pubblicati sulla rivista Immunology Letters hanno mostrato livelli di cellule helper 40 volte superiori dopo un impulso elettrico. Il vaccino ‘sovralimentato’ permette al sistema immunitario di superare l’allergia agli acari della polvere – uno dei fattori scatenanti principali di attacchi di asma. Il vaccino ‘sovralimentato’ permette al sistema immunitario di superare l’allergia agli acari della polvere – uno dei fattori scatenanti principali degli attacchi di asma. Il team è fiducioso che la tecnologia funzionerà sugli esseri umani. Malayka Rahman, responsabile della ricerca presso Asthma UK, ha detto: ‘Nove persone su dieci con asma ci dicono che la polvere innesca i sintomi, aumentando il rischio di un attacco di asma.’Tuttavia, la polvere è notoriamente difficile da evitare. Anche se questa ricerca è un importante passo in avanti verso dei vaccini più efficaci, è nelle sue fasi iniziali ‘.

Parliamo ora del vaccino basato sulla tecnologia VTT dei ricercatori fillandesi

Come dicevamo prima questo vaccino antiallergico potrebbe essere commercializzato tra 5 anni. La tecnologia VTT aiuta il corpo umano a sviluppare una resistenza agli allergeni.  VTT spin-off Desentum Ltd è responsabile dello sviluppo e della commercializzazione di nuovi vaccini antiallergici basati sulla tecnologia VTT.  I brevetti VTT si basano sull’applicazione dell’ingegneria genetica per alterare la struttura di un allergene – una proteina che causa allergia – in modo che possa causare sintomi meno allergici pur rimanendo efficace nella terapia di desensibilizzazione. I ricercatori sono stati in grado di determinare come un anticorpo IgE si lega un allergene, e sono stati i primi a presentare una dettagliata struttura 3D. Il complesso ha dimostrato di essere diverso da quello previsto dagli scienziati di tutto il mondo. Il responsabile per lo sviluppo e la commercializzazione del vaccino prevede di avviare la prima fase di sperimentazione clinica entro un anno. I primi vaccini antiallergici potrebbero entrare nel mercato in circa cinque anni. Questi vaccini sono attesi per alleviare i sintomi delle allergie più comuni come le allergie pollini, animali e alimentari. Secondo le stime le allergie sono tra i primi cinque gruppi di malattie più costose nei paesi industrializzati. Il numero stimato delle persone affette dall’allergie in Europa è di più di 80 milioni, con 65 milioni negli Stati Uniti. La rinite allergica colpisce circa il 25 per cento della popolazione europea. Il mercato stimato per i nuovi vaccini contro l’allergia è di circa 366 milioni di euro in Europa e circa 700-800,000,000 di dollari in tutto il mondo.

EARTO (Associazione europea delle organizzazioni di ricerca e tecnologia) è un’organizzazione istituita per tutelare gli interessi delle organizzazioni di ricerca e tecnologia europee. Essa svolge un ruolo fondamentale come punto di contatto con la Commissione europea e le altre istituzioni, in particolare in materia di ricerca connesse. Guardate il video sul vaccino al seguente link: http://www.vtt.fi/img/video/vtt_allergy_vaccine.mp4

Per info sul vaccino VTT ecco dei riferimenti:

Johanna Buchert Vice President, Strategic Research +358 20 722 5146

 Kristiina Takkinen Research Professor +358 20 722 5106
Pekka Mattila, CEO  Desentum Ltd +358 50 051 2934, pekka.mattila @ desentum.fi
Trovate l’articolo ufficiale a questo indirizzo http://www.vtt.fi/news/2013/04122013_earto.jsp?lang=en
 

Ti potrebbe interessare: