La migliore chitarra silent, quale acquistare?

 

Vuoi acquistare i prodotti recensiti su strumenti musicali info?


Entra nel negozio

 

Yamaha Silent Guitars SLG200N e SLG200S

Molto probabilmente siamo stati un po’ tutti rimproverati una volta o più nella vita per le sessioni di pratica a tarda notte. Intanto è il momento in cui la musa ispiratrice ti concede l’accesso illimitato ai tuoi poteri creativi. Adesso però i coinquilini o i membri della tua famiglia possono stare tranquilli nei loro letti perché Yamaha ha creato la soluzione ideale, anche molto elegante e ben considerata. Il concetto che sta alla base della famosa serie Silent Guitar della Yamaha è tanto semplice quanto geniale: se togli la cassa alle corde acustiche in nylon o a quelle in acciaio e offri una serie di soluzioni elettroniche sotto forma di un preamplificatore integrato ricco di utili suoni, sei libero di dedicarti completamente alla tua ispirazione in qualsiasi momento del giorno o della notte.

Yamaha SLG200N

Yamaha SLG200N

La gamma SLG è disponibile in due formati base: corde classiche in nylon o in acciaio. Ci sono varie opzioni di finitura, per non parlare del nuovissimo preamplificatore SRT che promette suoni di qualità da studio per la pratica, lo stage o la registrazione.

Qualità di costruzione

Inizieremo parlando della versione con le corde in nylon. Quando arrivò per la prima volta, era alloggiata in una borsa personalizzata così sottile che nessuna compagnia aerea poteva metterne in discussione la sua collocazione nella stiva. Questo perché la parte superiore del telaio aperto della chitarra è stivata separatamente dal corpo principale dello strumento e si blocca in posizione con una torsione dei pioli avanti e indietro della cinghia. Una volta assemblata, sembra un pezzo di scultura moderna con le linee aggraziate e facilmente riconoscibili da un’acustica cutaway tradizionale. Normalmente a questo punto mi piacerebbe diventare un lirico riguardo al tonewoods, ma non è assolutamente appropriato in questo caso. Invece, il telaio esterno è costituito da uno strato di palissandro e acero con un solido poggia gambe in mogano sul lato inferiore per facilitarne la tenuta in posizione seduta.

Il nucleo centrale è anch’esso in mogano e non solo tiene tutto insieme, ma ospita anche il preamplificatore SRT con le varie uscite. Il finale è quello che la Yamaha definisce “satinato” e su questo modello la grana dei vari legni è ben evidenziata. Come ho accennato, ci sono altre opzioni disponibili, tra cui il nero traslucido e il tobacco sunburst. C’è un piccolo battipenna in plastica nera che, pensandoci, mantiene viva un’altra tradizione della chitarra acustica e non sembra minimamente fuori posto qui. Il collo è in mogano, con un profilo poco profondo ma largo che renderà felice qualsiasi musicista abituato ad una chitarra classica. La paletta a fessura ospita un paio di accordatori a tre marce aperte e al centro c’è una copertura con le truss rod, che la Yamaha ha sempre adattato ai modelli con corde in nylon per anni, offrendo ai chitarristi un po’ più di controllo sulla linearità del collo.

E’ possibile quindi un’azione molto più bassa di quella che normalmente si troverà su una chitarra classica, qualcosa che accolgo positivamente in quanto rende lo strumento più suonabile, specialmente se le corde in nylon non delineano necessariamente il repertorio classico standard. In altre parole, se sei abituato al tipo di azioni che trovi sull’acustica delle corde d’acciaio, ti sentirai benvenuto.

Yamaha SLG200S – Vedi prezzo o acquista

Yamaha SLG200N

Poiché i due modelli hanno identici preamplificatori a bordo, penso che sia più appropriato per me affrontare la qualità del suono di entrambi i modelli, altrimenti potrei finire per ripetermi troppo e non voglio che accada

Qualità di costruzione

Non sorprende che questi due modelli siano estremamente simili sia in termini di aspetto che di dettagli costruttivi. Le differenze evidenti includono una lunghezza della scala leggermente più corta sulla 200S, ma questo è compensato dal fatto che qui il collo si unisce al “corpo” al 14 ° tasto invece che al 12°. Stranamente, quando tengo entrambi gli strumenti schiena contro schiena, la S è leggermente più alta della N, ma essenzialmente questa piccola differenza non incide in termini di aspetto generale. Quindi la struttura esterna del 200S è realizzata con la stessa combinazione di palissandro e acero della 200N, con una colonna centrale in mogano che traccia la lunghezza del corpo. Il manico in mogano, il pannello di palissandro, i sintonizzatori posteriori sigillati, il dado e la sella entrambi realizzati in urea sono tutti al posto giusto; il manico è largo 43 mm e si allarga fino a 55 al 14 ° tasto. Il profilo è snello ma abbastanza consistente fra le mani. A parte questo, questi due chitarre potrebbero quasi essere scambiate per gemelle. Ma, naturalmente, i dettagli di costruzione sono solo metà della storia. Il loro vero prestigio è nei circuiti che danno vita a questi strumenti.

Il preamplificatore SRT

Facendo una panoramica, i controlli SRT comprendono un pulsante di accensione, volume, alti e bassi più un accordatore cromatico e effetti incorporati che includono riverbero e chorus. C’è anche un ingresso ausiliario per il collegamento ad un MP3 o CD e una presa jack in modo da poter utilizzare un amplificatore per l’utilizzo sul palcoscenico. Fin qui tutto bene, ma quanto suono autentico riuscirai a ottenere da una chitarra senza un corpo? Sicuramente la mancanza del tonewood potrebbe diventare un problema? Bene, Yamaha ha pensato a questo ed ha fornito una soluzione sotto forma di un sistema di modellazione scolpito su un microfono Yamaha high-end e top of the range; La compagnia sta sperimentando da alcuni anni la modellazione di strumenti e microfoni.

Suono e suonabilità

Delle due, la 200N ha un suono acustico più morbido, mentre la 200S suona un leggermente più forte di una chitarra elettrica non amplificata. Entrambe sarebbero eccellenti per mantenere una buona relazione con i vicini e i conviventi, poiché acusticamente emettono solo un sussurro. Per farle ruggire, avrai bisogno di un paio di cuffie o di un amplificatore. Accedendo all’SRT tramite cuffie, puoi scegliere di utilizzare la modellazione su una scala mobile dove, con il rotary pot a sinistra, senti il piezo puro. All’estremità opposta, è una simulazione completa e spetta all’individuo trovare il proprio punto debole.

Per quanto riguarda gli effetti ci sono due tipi di riverbero che suonano come “room” e “hall” più chorus, ma è possibile comporre un solo effetto alla volta. Con l’SRT solo sul piezo, il suono su entrambi gli strumenti è piuttosto semplice e utile per un po’ di pratica. Se accendi il modellatore, il timbro cambia in modo drammatico; tutto diventa immediatamente più pieno e più risonante di quello che si potrebbe fare su uno strumento fatto da una serie di legni pregiati. La combinazione di modellazione e riverbero fornisce molti parametri con cui suonare; ho il sospetto che la maggior parte dei chitarristi sia in grado di individuare un suono adatto alle prove senza alcun problema. Delle due, ho trovato il suono della cordicella in nylon un po’ più autentico della sua controparte con corde in acciaio.

Conclusione

Non c’è dubbio che la gamma SLG è un vantaggio per qualsiasi chitarrista che ha problemi a strimpellare in mezzo alla turbolenza della vita domestica moderna. Questi strumenti manterranno la pace e ne permetteranno l’utilizzo a qualsiasi ora del giorno. Sono anche un vantaggio in quanto il fattore di portabilità non potrebbe essere migliore per uno strumento a grandezza naturale. È possibile che molti chitarristi optino per il più convenzionale percorso di chitarre con tonewoods per le esibizioni dal vivo, ma le SLG sono perfettamente utilizzabili in un concerto.