Casse attive: Le migliori casse amplificate del 2017

 

Vuoi acquistare i prodotti recensiti su strumenti musicali info?


Entra nel negozio

Le casse amplificate conosciute anche come cassa amplificate o altoparlanti amplificati sono altoparlanti con amplificatori integrati nelle casse. In locali di piccole o medie dimensioni si possono inserire tranquillamente casse attive che costano meno di 1000 euro. Le scelte possono essere tante ma abbiamo deciso di aiutarvi a fare la migliore scelta tramite questa guida.

Che cosa cercare nelle casse attive amplificate?

Livello di potenza
Più grande è il luogo dove emettere l’audio e più potere delle casse sarà necessario per riempire lo spazio. Con 700 – 1000 Watt di potenza si possono gestire tranquillamente locali di piccole e medie dimensioni, ma volendo è possibile aggiungere più altoparlanti in caso di necessità.

Altoparlante conico
Gli speaker compatti da 8″ sono abbastanza buoni per piccoli locali, e funzionano bene con sorgenti non troppo cariche di bassi, come voci e chitarre. Le casse attive di piccole dimensioni sono buone sopratutto per i cantautori che hanno bisogno di un sistema di amplificazione mobile. Nel caso in cui si voglia inserire strumenti come tastiere, bassi e batterie per ottenere un buon risultato consigliamo di utilizzare speaker più grandi da 10″ a 12″ che si rivelano utili per un piccolo gruppo / BAND. Per una migliore risposta nella fascia bassa consigliamo i modelli da 15″ o di prendere in considerazione almeno un subwoofer.

Portabilità
L’amplificatore incorporato dentro le casse amplificate aggiunge peso quindi se intendete trasportarle regolarmente valutate dei modelli meno pesanti e possibilmente con maniglia. Sarebbe inutile acquistare delle ottime casse attive se poi non potete utilizzarle perche non entrano nella vostra auto o furgone.

Affidabilità
I componenti sono altrettanto importanti, evitate di acquistare altoparlanti cinesi economici, potrebbe esserci il rischio di dover acquistare delle nuove casse dopo poco tempo, avvolte anche dopo pochi giorni. La qualità costruttiva e la rigidità del materiale utilizzato sono importanti, non da meno la durabilità del manico. Altrettanto importante è un’attenta manipolazione e il trasporto.

I migliori altoparlanti PA amplificati
Queste sono le casse attive più vendute che continuano ad ottenere recensioni entusiastiche, utilizzato da molti artisti e gestori di locali. In questa fascia di prezzo, la qualità e l’affidabilità è di estrema importanza, così abbiamo scelto i modelli che conviene acquistare.

Come scegliere le casse amplificate?
Il raggiungimento di un suono ad alti volumi mantenendo nello stesso tempo un alta qualità è una sfida, avvolte bisognerebbe considerare queste cose:

Meglio delle casse attive o passive?
Che dire della Bi-amplificazione?
Bisogna comprendere il Crossover?
E’ meglio ottenere un sistema PA completo?
Bisogna acquistare dei sistemi intelligenti degli altoparlanti?
E’ necessario un subwoofer?

Meglio delle casse attive (Amplificate) o passive (Non amplificate)?
Se non avete familiarità con gli altoparlanti PA attivi, la cosa importante da sapere è che l’amplificatore di potenza e di crossover sono incorporati nello stesso cabinet degli altoparlanti. Le casse attive PA (dette anche diffusori attivi / amplificati) sono più semplici e veloci da montare, ma non sono sempre l’opzione migliore per la progettazione di sistemi complessi per l’installazione permanente in grandi auditorium e sale.

Casse passive PA (dette anche Diffusori passivi o non amplificati)
Rispetto alle casse attive le casse passive richiedono amplificatori di potenza separati e talvolta crossover. Per la maggior parte delle band o per chi ha bisogno di riempire locali di piccole e medie dimensioni i sistemi di altoparlanti passivi non sono l’opzione più semplice mentre portano un vantaggio nel caso in cui bisogna emettere l’audio in spazi molto grandi a causa della estrema quantità di energia necessaria per i grandi sistemi, mantenendo gli amplificatori separati impedisce problemi di surriscaldamento degli amplificatori, e la manutenzione del sistema nel lungo periodo.

Cos’e la Bi-amplificazione?
Bi-amplificazione è il processo di divisione di un segnale audio in due intervalli di frequenza, che vengono poi inviati a due amplificatori separati che, a loro volta, guidano gli altoparlanti separati. Una rete di crossover attivi invia le basse frequenze ai driver più grandi e le alte frequenze ai driver più piccoli. La Bi-amplificazione, tri-amplificazione, e oltre sono stati utilizzati nei sistemi di amplificazione per anni e sono diventati abbastanza comune in studio monitor attivi pure.

Cos’e il Crossover?
Un crossover è un dispositivo che divide un segnale audio in intervalli di frequenza separate, in ultima analisi, indirizzati a diversi driver (altoparlanti, tweeter, ecc) in un sistema audio. Ad esempio, un crossover a 2 vie può comprendere un filtro passa-basso che passa un segnale con basse frequenze ad un woofer e un filtro passa-alto per inviare le frequenze appropriate per il tweeter. I crossover possono essere passivi o attivi.

I sistemi PA all-in-one 
Se sei un solista la migliore scelta potrebbe essere un sistema PA completo, definito PA All-in-one. I sistemi completi integrano altoparlanti attivi, elaboratori segnale e anche gli effetti in un design semplice e compatto e si rivelano ideali per cantanti / compositori, concerti Coffeehouse e piccoli ensemble acustici in quanto permettono di risparmiare denaro, tempo e spazio.

Sistemi di altoparlanti intelligenti
Siamo al 21° secolo! Ora esistono sistemi di altoparlanti in grado di riconoscere automaticamente quello che si collega, ottimizzando la fonte sonora. Alcuni possono riconoscere se sono disposti in senso verticale su supporti o orizzontale come monitor da pavimento, ottimizzando il suono in base all’orientamento. Altre funzioni intelligenti integrate possono includere la soppressione automatica del feedback, funzionalità di rete e il telecomando.

E’ necessario avere un subwoofer?
I subwoofer sono solo degli altoparlanti ottimizzati per la riproduzione delle basse frequenze. Ciò che non tutti sanno è che l’aggiunta di un subwoofer non necessariamente rende il sistema più forte: si può effettivamente consentire di eseguire il sistema a un volume complessivo inferiore, pur mantenendo un incisività e impatto full-range. I subwoofer lavorano dai 20Hz ai 100Hz, frequenze che difficilmente riescono a riprodurre dei sistemi PA standard. I sistemi con il subwoofer incorporato in termini di prestazioni dei driver verrebbero compromessi nelle frequenze medio-alte a causa delle intense vibrazioni delle potenti basse frequenze. Detto in altro modo, gli altoparlanti PA di grandi dimensioni possono riprodurre le basse frequenze, ma per vero suono full-range è più indicato utilizzare un subwoofer dedicato. I subwoofer utili solo per la musica dance ma permettono di migliorare il suono complessivo delle casse audio principali aumentando dettagli e dinamiche del suono. Come gli altoparlanti full-range i subwoofer possono essere attivi o passivi.

Lista delle migliori casse attive e le più vendute