Come insonorizzare una stanza?

 

Vuoi acquistare i prodotti recensiti su strumenti musicali info?


Entra nel negozio

Quando si intende creare uno studio di registrazione o semplicemente una stanza che eviti che entrino rumori che disturbano la tranquillità bisogna effettuare un insonorizzazione. Spesso molti inesperti confondono l’insonorizzazione con la correzione acustica, si tratta di 2 cose completamente diverse.

A cosa serve la correzione acustica? – La correzione acustica permette di eliminare le riflessioni acustiche durante una ripresa microfonica in modo che lo strumento o la voce registrata non vengano contaminati dalle riflessioni che altrimenti entrerebbero nel microfono sporcando il suono.

A cosa serve l’insonorizzazione? – Effettuando dei lavori di insonorizzazione di una stanza potete ottenere un ambiente silenzioso senza che si sentano i rumori provenienti dall’esterno. L’insonorizzazione permette anche di evitare di disturbare i vicini nel caso in cui suonate uno strumento, alzate il volume della radio o semplicemente fare rumore in qualche modo ma attenzione, l’insonorizzazione non serve per ottenere un trattamento acustico, serve solo a isolare una stanza dall’esterno.

Uno studio di registrazione ha bisogno sia dell’insonorizzazione che della correzione acustica, se invece è situato in un posto sperduto e lontano da vicini fastidiosi, è sufficiente fare solo un trattamento acustico.

Come si insonorizza una stanza?

Esistono 4 metodi:

  • Aggiunta di Densità/Spessore alle Mura
  • Attenuamento/Smorzamento (Damping)
  • Disaccoppiamento
  • Riempimento degli Spazi Vuoti

1. Aggiunta di densità/spessore

Le pareti hanno bisogno di molta densità quindi è bene creare un muro di cemento spesso. Nel caso in cui fosse già presente la parete bisogna aggiungere dei materiali ad alta densità. Quando si costruisce una stanza partendo da zero, uno spessore adeguato allo scopo può essere ottenuto semplicemente costruendo un muro spesso, con un materiale denso come il cemento. Ma nel caso in cui si debba aggiungere densità a una stanza già esistente, bisogna aggiungere materiali alta densità come ad esempio il “Sheetblock”.

 

2. Attenuamento (Damping)

Green Glue – Vedi prezzo o acquista

Quest’altra tecnica consiste nell’incollare alle pareti pannelli rigidi come MDF, compensato o cartongesso con la Green Glue che permette di dissipare l’energia cinetica del suono trasformandola in calore, è il materiale di insonorizzazione più popolare e più economico sul mercato. Potrete creare un’ingegnosa barriera acustica per il vostro studio che potrà essere aggiunta in qualsiasi area della stanza, incluso il pavimento, il soffitto, le mura, o persino la porta.

3. Decoupling

Un esempio di questa tecnica di isolamento acustico è la costruzione di una parete in cartongesso  distanziata da una parete già esistente in modo che si crei una camera d’aria che può diventare ancora più efficace aggiungendo del materiale isolante, tra il più economico troviamo la lana di vetro o la lana di roccia ad alta densità.

4. Riempimento degli spazi vuoti

Questa semplicissima accortezza consiste nel sigillare tutte le piccole fessure e buchi della stanza. Per far questo avete bisogno di:

  • Sigillante acustico: Con questo prodotto potete sigillare ogni fessura della stanza in quanto è soffice e resistente nel tempo.
  • Guarnizioni in schiuma: per isolare prese elettriche, finestre, porte, etc.
  • Battente porta: per chiudere lo spazio tra la porta e il pavimento.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *