Caratteristiche e funzionamento dei canali di un mixer audio

Caratteristiche e funzionamento dei canali di un mixer audio

Vuoi acquistare i prodotti recensiti su strumenti musicali info?


Entra nel negozio

 

Che cosa è un pan pot?

Un pan pot, o la manopola pan è l’abbreviazione di “potenziometro panoramico”. Esso consente di posizionare il segnale in qualsiasi parte del campo stereo, da sinistra all’estrema destra.

Quali sono i pulsanti mute / solo?

Il pulsante mute permette di disattivare l’audio su un canale mentre il pulsante solo permette di ascoltare unicamente quel determinato canale disattivando tutti gli altri canali restanti, almenochè non abbiano anche loro attiva la funzione “solo”.

Cosa sono i pulsanti di routing?

Questi interruttori permettono di selezionare l’uscita. Ad esempio se si preme il pulsante 3-4 e si imposta il pan tutto a sinistra, il segnale esce dall’uscita 3.

Che cosa è un fader?

Un fader è un controllo di livello a scorrimento che può essere utilizzato per variare il volume di ogni canale del mixer.

Un tipico canale del mixer può avere un selettore di ingresso per microfono o per i segnali di linea, una manopola per la regolazione del livello di ingresso e un EQ (equalizzazione) che controlla le bande dei bassi, medi ed alti del segnale. Un canale di solito ha delle mandate che inviano parte del segnale ad una unità effetti (o altra destinazione). Infine un canale può avere un interruttore per la selezione dei bus (i pulsanti di routing come abbiamo visto prima), che commuta l’uscita del canale ad un bus.

Che cosa è un bus?

I bus sono canali assegnabili ai singoli canali del mixer, ad esempio se si dispone di un mixer da 16 canali con 4 bus è possibile indirizzare uno o più dei 16 canali ad uno dei 4 canali bus. Il bus principale è spesso chiamato bus L / R. Altri autobus sono spesso raggruppati in coppie, come bus 1-2, bus 3-4, ecc. Ci potrebbe essere anche un altro switch che permette di instradare questi fader bus al fader master.

Che cosa è un insert sul canale?

Un insert è un percorso che esce e rietra in un singolo canale. Tramite un insert è possibile aggiungere sul canale un attrezzo esterno, solitamente l’insert viene utilizzato per aggiungere sul canale scelto un compressore, un EQ, un effetto, ecc.

A cosa serve la funzione “in-line monitoring”?

Questa funzione la potete trovare su alcune console di registrazione come un Mackie 24-8, Behringer MX900 o Alesis Studio 32 e permette di avere su ogni traccia 2 ingressi separati, con un interuttore che permette di inviare uno dei 2 ingressi per il fader su quel canale. Questo caratteristica è chiamata “Mix B”. In questo modo 16 schede di canale possono avere 32 ingressi in mixdown. L’ingresso per il canale Mix B è il “tape in” jack.

Ingressi e uscite “Bilanciati”, pro e contro.

Un mixer con ingressi e uscite bilanciate accetta segnali bilanciati con cavi XLR o jack. Ciò consente essenzialmente di utilizzare dei cavi lunghi senza raccogliere rumori e ronzii. I mixer con ingressi sbilanciati e uscite sbilanciate richiedono dei cavi più corti (jack o rca).

Altro sui cavi

Se l’interfaccia audio è dotata di ingressi e uscite bilanciate si consiglia di utilizzare un mixer con ingressi e uscite bilanciate. Quindi, se si utilizza una scheda audio con connettori RCA sbilanciati è comunque possibile utilizzare un mixer con ingressi bilanciati maggior parte delle volte.

Che cosa è un Send e Return?

Una mandata (send) è un percorso importante per far uscire l’audio dal mixer. Questa mandata può funzionare come un mix monitor separato se si sta lavorando in uno spettacolo dal vivo, in cui ogni artista ha un monitor di fronte. Vedete le 4 manopole nella foto? Queste sono delle mandate.

Nel mio sistema, ogni manopola va a un dispositivo hardware separato. Il segnale viene riportato al mixer dal ritorno (return), quindi viene aggiunto al segnale principale. Creativamente parlando, il send è un submix, potete fare con esso quello che volete.

Audio mixer Sound technician