Guida alle tastiere midi controller compatte

Guida alle tastiere midi controller compatte

Vuoi acquistare i prodotti recensiti su strumenti musicali info?


Entra nel negozio

Spesso, quando si lavora su una canzone, preferisco lavorare con la mia piccola tastiera controller midi da 49 tasti perchè è piccola e leggera, quindi la posso trasportare ovunque. Grazie ai controlli di trasporto a bordo, posso avviare la registrazione, arrestarla, ecc. Ci sono molte piccole tastiere controller MIDI sul mercato con delle caratteristiche piuttosto avanzate. A differenza di una workstation synth, una tastiera controller MIDI non ha dei suoni incorporati. L’ipotesi è che si prevede di utilizzare il sequencer del computer con strumenti software, o dei moduli MIDI che forniscono i suoni. Il controller invia solo i dati MIDI. A causa del minimo ingombro, il minor numero di tasti, e meno funzioni, molti controller MIDI sono abbastanza poco costosi e sono un ottimo modo per iniziare. midi per meno di 100€ e se si dispone di ottimi strumenti software, nessuno potrà mai sapere che si lavora con una tastiera economica piuttosto che una massiccia tastiera Korg Oasys. Tuttavia, i controller più vengono definitivamente compromessi. Abbiamo intenzione di dedicare il resto di questo articolo per le caratteristiche che dovrebbe prestare attenzione durante l’acquisto di un controller MIDI per il vostro studio basato sulla registrazione con il computer.

Dimensioni e numero dei tasti

La prima cosa che dovete valutare è lo spazio che potete occupare con la tastiera. Ci sono le tastiere più grandi da 61, 73 e 88 tasti, ma in questo articolo ci concentreremo sui modelli compatti da 25, 37 o 49 tasti. Alcuni utilizzano delle soluzioni ancora più compatte, come il modello ridurre microKONTROL di Korg o Novation X-Station che è uno dei controller più costosi di questa categoria.

Tocco della tastiera

I controller economici sono più inclini a compromessi sul tocco della tastiera. Il “tocco” è importante in quanto si ha a che
fare con:

1. La sensazione reale della tastiera e la sua risposta alle vostre mani.
2. La sensibilità alla dinamica.
3. L’aftertouch.
4. I tasti – pesati o non pesati.

Tutte e quattro queste variabili possono rendere migliore l’esperienza di gioco con la vostra tastiera. Più si sale di prezzo e più migliorano queste prestazioni.

1. Una tastiera economica si può identificare rapidamente quando i tasti sembrano incoerenti quando vengono premuti dando una sensazione di sottile plastica a basso costo. Mentre tutte le tastiere sono fatte in plastica, vi è una differenza tra plastica economica e plastica di qualità migliore.

2. Sensibilità velocità. Più si suona, più alto è il valore della velocità che viene inviato al computer per qualsiasi nota MIDI. Quasi tutti i software di campionamento e synth rispondono alla dinamica, che viene utilizzata per controllare il volume e il timbro della nota. La presenza della velocità può far suonare il vostro gioco più espressivo. Se non si dispone della funzione di velocità (detta anche velocity), la tastiera invia lo stesso valore di velocity per ogni nota, che può rendere il gioco ancora molto interessante. Quindi assicuratevi di avere come minimo un controller che trasmette sensibilità alla velocity.

3. L’aftertouch invia una serie di 127 valori, a condizione che si sta tenendo la pressione del tasto e modulante. Quando è implementato bene, questo è solo come girare una manopola. E ‘importante? Molti sintetizzatori software non implementano l’aftertouch, anche se molti dei migliori lo hanno. La maggior parte dei synth hardware rispondono all’aftertouch. Ci sono 2 tipi fondamentali di aftertouch. Il più comune è il canale (mono) aftertouch in cui viene generato un unico flusso di dati di aftertouch che colpisce tutti i tasti sul canale midi. L’implementazione meno comune, ma più completa prende il nome di “aftertouch polifonico”. Qui ogni tasto invia 127 valori contemporaneamente, che è più difficile da implementare. Solo un paio di sintetizzatori software rispondono all’aftertouch polifonico

4. La tastiera può essere pesata, semi pesata o non pesata. Raramente troverete tasti completamente pesati in un controller a tastiera compatto, ma è più facile trovare un’azione pesata in una tastiera da 88 tasti. Il “Peso” viene aggiunto per gli stessi tasti per rendere la sensazione di gioco più simile a quella di un pianoforte vero e proprio. I tasti pesati normalmente non sono desiderati in un controller compatto a tastiera. Una tastiera “non pesata” offre poca resistenza. È possibile individuare una tastiera non pesata, toccandola, dove potete percepire una sensazione di estrema leggerezza mentre i tasti possono essere “elastici”. Molti controller compatti sono “semi-pesati”. Questi hanno anche un tocco leggero, ma offrono una resistenza maggiore e più coerente.

Controller (manopole, ruote, cursori, selettori di programma touch pad, drum pad e joystick)

Tutte le tastiere controller oltre ai tasti offrono altri controlli. Come minimo, si trova qualche tipo di controllo per il tono e la modulazione. Di solito c’è anche un ingresso sul retro per il collegamento di un pedale di sustain. In alcuni modelli non manca la capacità di selezione per programmi e banchi che può essere utile se si sta controllando un synth hardware midi, ma meno importante per gli strumenti software, in cui i programmi sono più facilmente selezionabili con il mouse. Alcuni controller offrono dei pad che possono essere assegnati alle note MIDI per i suoni di percussioni, vedete ad esempio il modello M-audio Axiom. Infine, e forse più importante, la tastiera controller avrà delle manopole, cursori, touch pad per inviare ulteriori comandi MIDI continui (eventi CC). In genere, è possibile assegnare gli eventi CC, questa è una buona cosa perché i produttori di strumenti software possono utilizzare valori diversi di CC per il controllo di parametri importanti degli strumenti.

Metodi di assegnazione del controller

Ci sono 4 metodi per far corrispondere le manopole sul controller con i parametri dello strumento software utilizzato: Automappatura, Modelli, funzione Auto-learn e assegnazione manuale dei controlli.

L’auto mappatura

Uno degli approcci più innovativi al problema spinoso di assegnare le manopole del controller per i vostri strumenti software è la funzione di “automap” sviluppata da Novation per la serie Remote SL.

Modelli

Un altro approccio è quello di consentire all’utente di creare e richiamare i modelli preimpostati per i diversi strumenti software. L’uso dei modelli preimpostati significa scorrere una lista e trovare il modello prima di suonare e modificare. Questo approccio può essere efficace quando si utilizzano ambienti software come Reason. Infatti molti controller dispongono di un modello per l’utilizzo di Reason.

Auto apprendimento (auto learn)

Alcuni strumenti software consentono al software di “apprendere” i valori del controller. Si preme un pulsante nel software, toccando una manopola del software, per poi toccare quella del controller hardware per far si che il collegamento venga appreso dal software. Questo ha davvero poco a che fare con il controller e viene fatto nello strumento software stesso.

Assegnazione manuale

L’assegnazione manuale delle manopole per le funzioni software può essere noioso. Quando si passa a un synth diverso che utilizza valori diversi si deve riassegnare il controller. La cosa buona è che si tratta di semplici compiti manuali. Il taglio del filtro è di solito sul CC74, la risonanza è di solito sul CC71 e gli effetti sono di solito sul CC91 e 93. Questi sono i parametri più frequentemente utilizzati per molti sintetizzatori comuni in modo da avere un controller con l’assegnazione manuale che funziona bene per la maggior parte delle persone e la maggior parte del tempo.

Keyboards Sound technician