Qual’e il migliore campionatore hardware? prezzi ed opinioni

Vuoi acquistare i prodotti recensiti su strumenti musicali info?


Entra nel negozio

Non molto tempo fa il mercato dei campionatori hardware era in supporto vitale, con alternative software apparentemente impostate per rendere obsolete le unità hardware.

Proprio come con i synth, però, produttori e artisti hanno capito che esistono dei vantaggi nel possedere un campionatore hardware anche perché molti dei prodotti attuali consentono di creare musica senza la necessità di un computer. In questo articolo troverete alcuni dei migliori campionatori hardware, dai moduli tascabili alle piattaforme di produzione complete.

Campionatore Roland SPD-SX – Vedi prezzo o acquista

SPD-SX ha ereditato molte funzioni dell’SPD-S offrendo una quantità infinita di memoria di campionamento, prese USB, un display più grande con funzioni di modifica delle onde sullo schermo, routing audio migliorato, pad reattivi, menu intuitivi, campionamento innovativo e una serie di miglioramenti del design. L’SPD-SX ha nove pad riproducibili con due prese di ingresso doppie, che consentono la connessione di un massimo di 4 pad esterni, trigger di batteria o una combinazione di entrambi. Grazie alle uscite audio indirizzabili dall’utente l’SPD-SX può essere utilizzato sia sul palco che in studio.

Un grande prodotto per batteristi e produttori, quindi.

Campionatore Korg KP3+ – Vedi prezzo o acquista

Korg ha rinnovaro l’unità di effetti / campionamento KP3 con la nuova versione KP3+ che è basata sulla stessa tecnologia, ma con delle nuove combinazioni di effetti e caratteristiche. La serie Kaoss Pad è famosa per la sua intuitiva interfaccia touch-pad. I suoni che guidano la danza e movimenti musicali EDM, e gli effetti utilizzati per la loro creazione, si sono evoluti in modo significativo in questi ultimi sette anni. Il KP3+ sulla base del KP3 è in grado di offrire una combinazioni di effetti che sono diventati un punto fermo in numerosi generi e le applicazioni sono state prese ad un nuovo livello all’avanguardia. Utilizzando il touchpad è possibile controllare gli effetti in tempo reale grazie a 150 effetti ideali per DJ e sound design; di cui 42 nuovi tipi. Il Vinyl Break chel simula un giradischi, il Ducking compressor sottolinea le Backbeat, il nuovo Looper consente di manipolare liberamente i loop mentre gli effetti si possono usare per le interruzioni di gioco.

Numerose funzioni per rendere le prestazioni ancora più espressive, ad esempio è possibile controllare il riverbero per produrre un decadimento più naturale. La funzione Mute taglia il segnale in ingresso ed emette solo il suono dell’effetto. Otto memorie del programma consentono di passare istantaneamente agli effetti. La funzione Hold sostiene il suono dell’effetto. E’ possibile impostare il tempo con l’auto BPM, tap tempo o la manopola BPM. I LED Pad garantiscono un’elevata visibilità anche al buio. Grazie alla connettività USB MIDI può essere utilizzato come un potente controller MIDI. E’ possibile memorizzare i dati su una scheda SD / SDHC. Infine un editor software dedicato permette la gestione centralizzata dei campioni e delle impostazioni.

Korg Kaossilator Pro+ – Vedi prezzo o acquista

Korg Kaossilator Pro+ è ancora una volta, un recorder di frasi synth / loop, ma viene fornito con suoni, compresi i programmi di batteria aggiuntivi. Questo synth consente di eseguire e creare dei multi-strati di musica in qualsiasi stile con il semplice tocco di un dito. Tra le caratteristiche troviamo 250 programmi sonori (tra cui il programma ritmico) che coprono una vasta gamma di stili, tra cui 62 nuovi programmi, la funzione di registrazione dei Loop, le impostazioni della scala / Key, la funzione Note Range che permette di specificare l’intervallo orizzontale pitch range del touchpad, la funzione Arpeggiatore gate che consente di controllare facilmente le frasi con il cursore, i Pad LED che assicurano un’eccellente visibilità anche al buio, la porta USB MIDI che permette di utilizzarlo come controller MIDI e lo slot per la scheda SD / SDHC che permette di conservare i dati registrati dei loop WAV. Viene offerto con l’ editor software dedicato per la gestione centralizzata dei campioni e delle impostazioni ed è compatibile con il Kaossilator 2

Elektron Octatrack DPS-1 – Vedi prezzo o acquista

L’Elektron Octatrack DPS-1 è un campionatore ad otto tracce ed offre delle prestazioni dinamiche e come sequencer. Molti non utilizzano più i campionatori hardware solo perchè i software sono meno laboriosi e più semplici da usare. Octatrack adotta un approccio diverso da qualsiasi cosa attualmente sul mercato. Forse la domanda più importante non è se Elektron può reinventare il campionamento, ma se riesce a convincere il produttore medio di campionamento che l’hardware dedicato è ancora rilevante nell’epoca dei plug-in, dei gigabyte di RAM e del numero infinito di tracce. L’Octatrack è molto più di un campionatore. Con la fila di 16 tasti lungo la parte inferiore del pannello frontale l’Octatrack segue le orme di una Drummachine e Monomachine con l’inclusione di un sequencer. Inoltre il motore di elaborazione dell’Octatrack è radicalmente più avanzato rispetto alla maggior parte degli hardware attualmente sul mercato oltre al fatto che offre la completa libertà quando si devono manipolare loop e campioni. L’Octatrack offre otto tracce stereo più otto tracce MIDI. I campioni vengono memorizzati su una scheda Compact Flash con una capacità massima di 64 GB. Inoltre è possibile processare l’audio esterno attraverso gli effetti.

Durante l’uso la qualità audio dell’Octatrack è pulita e altamente usabile con le opzioni di manipolazione del campione. E’ possibile utilizzare su ogni traccia delle opzioni come il retrigger per degli effetti Beat Repeat. Le tracce possono essere instradate attraverso due effetti (o più con l’uso di altre macchine) scelti tra una gamma tra cui filtri, equalizzatori, compressori e riverberi. Per ogni canale di questo aggeggio troviamo tre LFO. La qualità costruttiva dell’Octatrack è eccezionale. I vari parametri offrono diversi livelli di precisione, con alcuni che richiedono più encoder portandoli da valori minimi fino a valori massimi. Le impostazioni di Micro-timing consentono di ottenere delle note spinte in avanti e indietro con dei passi da 1/384th, mentre un moltiplicatore del tempo permette alla traccia da riprodurre varie velocità da 1/8x a 2 volte l’impostazione globale. Le funzioni di blocco dei parametri note come Machinedrum e Monomachine permettono di impostare i parametri in modo indipendente per ogni trigger del campione. Si tratta di una macchina davvero complessa e ci vorrà un pò di tempo per conoscere tutte le sue funzionalità.

Ogni macchina MIDI consente una sola nota per passo anche se le tracce non sono strettamente monofoniche dato che possono essere attivate fino a quattro note contemporaneamente da ciascuna macchina MIDI dell’Elektron Octatrack DPS-1. L’unica vera debolezza dell’Octatrack è che cerca di fare tutto. Questo non è un problema se un pezzo di hardware funziona meglio di qualsiasi alternativa, ma in alcuni casi questo penalizza in termini di flessibilità. L’unico limite maggiore dello stesso hardware è l’assenza delle singole uscite. L’assenza di un editor non limita le potenzialità dell’Octatrack ma rende meno efficiente il flusso di lavoro. La programmazione dell’Octatrack comporta la modifica fino a 16 tracce singole, ognuna delle quali può contenere delle scene multiple. Di conseguenza la programmazione di un intero progetto per un live set o una sessione in studio può richiedere una quantità notevole di tempo.

Campionatore Akai MPC Studio – Vedi prezzo o acquista

 

L’Akai MPC Studio è ora disponibile. Utilizza lo stesso software MPC controllato da un hardware più compatto e portatile. L’Hardware dell’MPC studio è abbastanza robusto con un pollice di spessore. Ci sono otto banchi pad (quattro dei quali sono accessibili tramite la funzione del tasto shift) con 64 note di polifonia, ciascuna delle luci pad diventa giallo, arancio, verde o rosso per mostrare i livelli della velocità, gli eventi delle note e altre funzionalità. Poiché non c’è un tastierino numerico in modo che i pad passono essere utilizzati in modo numerico per immettere i dati. Per mantenere le cose compatte e il prezzo più basso non c’è un display inclinabile o un’interfaccia audio, solo quattro Q-Link, invece di 16, senza i LED ad anello. Lo svantaggio principale per noi è lo schermo fisso, come la sua leggibilità è spesso compromessa a meno che non si stia cercando direttamente dall’alto. Quindi, non c’è ancora nessun modo per spegnere il display per prolungare la retroilluminazione o per il controllo del volume generale sull’hardware.

Akai ha fatto un buon lavoro con l’hardware dello studio mettendo in equilibrio le funzionalità con la compattezza. Il layout del pannello è favorevole al flusso di lavoro rapido. Il jog wheel è grande e piatto e permette di esercitare una certa pressione. Passando alla connettività, c’è un pulsante di accensione, alimentato dal bus USB (per il collegamento al computer) e MIDI in e out per mezzo di cavi breakout inclusi per il collegamento di hardware MIDI esterni. Non c’è un interfaccia audio, ma questo in realtà non incide sull’uso generale, anche se naturalmente è molto utile avere degli ingressi e uscite dedicati sull’MPC per il campionamento e per la divisione degli elementi attraverso un mixer. OS 1.3 è un aggiornamento importante, affrontando molte delle principali preoccupazioni degli utenti e per fortuna Akai sembra essere in ascolto. Il software MPC funziona solo su Mac OS X 10.6 verso l’alto con l’hardware Akai MPC collegato (a differenza di macchina) anche se è possibile mappare gli altri controller al software.

Speriamo che Akai rimuova questa restrizione non necessaria. Nel complesso, OS 1.2 è stabile, ma ci sono alcuni bug e funzionalità mancanti. Alcuni bug sono stati risolti. La latenza è trascurabile per fortuna in generale, ma non dipende dalla complessità. Non dimentichiamo che ci sono ancora delle varie modalità di filtri versatili, più amp / inviluppi, FX, mute, pad e un mixer programmabile, ma ancora nessuna lista delle modifiche degli eventi come il vecchio MPC. Nel complesso, le basi sono a posto. Per il musicista in viaggio o in studio questa è una soluzione pratica offerta a prezzi ragionevoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *